lunedì 1 dicembre 2014

Recensione: "Lacrime di cera" di Liliana Marchesi

Buona sera carissimi e buon inizio di settimana.
Quella di oggi è una recensione di un libro di un'autrice italiana di cui ho letto e apprezzato tutti i suoi precedenti libri: Liliana Marchesi. Di lei potete trovare nel mio blog le recensioni di Harmattan (Qui) e la trilogia del peccato ("L'origine del peccato" QUI, "L'innocenza del peccato" QUI, e "L'ultimo respiro per la redenzione" QUI e questo di oggi è Lacrime di cera che, come i precedenti suoi lavori si è rivelato essere coinvolgente e ben scritto ^^

Lacrime di cera
di Liliana Marchesi

Editore: auto pubblicato
Pagine: 233
Prezzo: 2,99€

Voto: 5/5


TramaUn Paranormal Romance Distopico, in cui Passato e Futuro si fondono dando vita ad un Presente... senza precedenti!  
In un mondo distrutto dalla guerra tra le classi sociali, un nuovo Impero regna Sovrano, servito da automi dalla pelle rivestita di cera, ma dall’aspetto incredibilmente umano. Un Impero costruito grazie alle capacità di una società progredita, ma al tempo stesso regolamentato dalle usanze e dai costumi del lontano Ottocento. 
Protetta dalle fredde mura di un palazzo inespugnabile, in Russia, Camille vive la sua vita fra balli e ricevimenti, ignara di essere prigioniera di un’utopia. Contro il proprio volere, Camille verrà promessa al futuro Imperatore. Un uomo meschino, violento e incapace di amare. 
Mossa dalla disperazione, e in cerca di una via di fuga, Camille scoprirà l’esistenza di un sotterraneo segreto. Dove troverà Lui, sua unica possibilità di fuga... e di salvezza. 
Solo l’Amore può ridare vita ad un cuore straziato dall’odio, e speranza ad un mondo ormai in lacrime. 
Prima che sia troppo tardi!

Recensione

Siamo nella Russia cent'anni dopo che il mondo che noi conosciamo nel 2017 è cambiato in seguito a una rivoluzione dove le famiglie più potenti provenienti da tutto il mondo si sono rifugiate in una roccaforte da dove detengono il potere su quel poco che è rimasto di mondo nel 2117 mantenendo del "vecchi mondo" solo gli usi e i costumi dell'800.
In questa castello risiede Camille Andreevna Ivano della casata Russa che si vede costretta ad andare in sposa al figlio del "re" russo, Roman ... figlio di Ivan Vladirirovič Morozovun uomo spietato e senza scrupoli che ha intenzione di fare di Camille la sua puttanella con le buone o con le cattive. Ma lei è una ragazza curiosa e le storie che la madre scomparsa le raccontava su come era vivere in libertà, dei libri, di come era avere delle finestre addirittura per guardare ciò che circonda la casa, si perchè il castello in cui abitano i nobili è interamente murato così che nessuno possa uscire e nessuno entrare salvo un passaggio conosciuto solo dal sovrano dove entrano le provviste. Tutte queste cose insomma hanno sempre incuriosito Camille e quando in una delle sue scappatine notturne in giro per il palazzo nell'ala abbandonata della casata Americana sente Ivan e il figlio Roman parlare di cose strane la insospettisce e decide di indagare a fondo e la conoscenza/scontro con un automo che ha qualcosa di strano farà si che Camille si metta in mezzo ai guai. 
Per intenderci gli automi sono persone con pelle come cera, che non parlano, non replicano, servono solo i Sovrani del palazzo...
E poi... acquistate il libro e scoprite questa magnifica, intrigante, scorrevole, coinvolgente, adrenalinica storia da voi perchè credetemi ne vale la pena, perchè Lacrime di cera è un distopico con i fiocchi che vi lascerà a bocca aperta.

Liliana Marchesi oltre a essere bravissima a scrivere è una mente contorta e "subdola" in senso buono in quanto ha partorito una storia semplicemente geniale e originalissima!!!!!!!!
Ogni personaggio a partire da Camille è sensazionale, per non parlare di Lui (ma non vi dico altro oltre il nome, ma sappiate: tanto amore per questo protaginista) *_*  ben caratterizzato, ha creato personaggi vividi ed empatici (si dice? ;p) che ti riescono a entrare nel cuore, con cui riesci in qualche modo nonostante si muovano in un futuro catastrofico ad avere una certa affinità, un certo feeling che a distanza di tempo, io l'ho letto a ottobre e lo recensendo solo ora, restano impressi nella mente come poche storie sono riuscite a fare! Per non parlare dei dettagli... cose banali, piccole che man a mano nella storia acquistano un senso incredibile e sopratutto inimmaginabile, detta così capirete poco però a lettura terminata o chi di voi ha già avuto il piacere di averlo letto, capirà cosa intendo, tipo gli automi... cioè senza parole! O.O 
Veramente un libro meraviglioso che meriterebbe di essere pubblicato da una casa editrice così da avere visibilità, perchè veramente se lo merita, la storia d'amore è delicata, ma allo stesso tempo di forte impatto emotivo, un romanzo autoconclusivo che non ci lascia con l'amaro in bocca alla fine perchè ha una sua degna conclusione e ogni dettaglio viene svelato a suo tempo e spiegato man a mano. C'è solo il piccolissimo problema che vorrei leggere ancora di Camille e Lui ma so che la loro storia finisce qui con Lacrime di cera. 

2 commenti:

Ika ha detto...

Sembra bello bello *__*

Lady Debora ha detto...

Ika credimi e molto bello! *_*