mercoledì 8 giugno 2016

Recensione: "L'Accademia del Bene e del Male" di Soman Chainani

Cioè contemplate insieme a me questa magnifica copertina... Fatto?? Ora apritelo e perdetevici dentro perchè non ve ne pentirete!




L'Accademia del Bene e del Male #1
di Soman Chainani

Editore: Mondadori
Pagine: 499
Prezzo: 17,00€

Voto: 5/5*



Trama: Sophie e Agatha sono da sempre amiche del cuore e non vedono l'ora di scoprire cosa significhi studiare nella leggendaria Accademia del Bene e del Male, dove ragazze e ragazzi normali vengono preparati a diventare gli eroi e i cattivi delle fiabe. Con i suoi eleganti abiti rosa, le scarpette di cristallo e la passione per le buone azioni, Sophie sa che otterrà ottimi voti nella Scuola del Bene. Agatha invece, con i vestiti neri e informi e il carattere scontroso sembra una perfetta candidata per la Scuola del Male. Quando arrivano all'Accademia le due ragazze fanno una scoperta sorprendente: Sophie finisce nella Scuola del Male a seguire lezioni di Imbruttimento, Trappole mortali e Storia della Cattiveria, mentre Agatha si ritrova nella Scuola del Bene, a lezione di Etichetta principesca. Si tratta di un errore? O forse il loro autentico carattere è diverso da ciò che tutti credono? Per Sophie e Agatha comincia un viaggio in un mondo straordinario, dove l'unico modo per uscire dalla fiaba è viverne una fino alla fine.




Dentro la foresta primordiale c'è un Accademia del Bene e del Male.

Ci sono due castelli, due teste gemelle: uno benigno, l'altro maligno.

Prova a fuggire: le vie son bloccate.

L'unica uscita è una storia di fate.


E' uno di quei libri che una volta chiuso lo stringi al petto, sospiri estasiata, e ripensi a Agatha e Sophie, ti ritrovi a ripercorrere la via tra le due Accademie, a ripesare alla Selva Oscura e a tutti i magici personaggi.. solo che leggendo la trama c'è una cosa sbagliata perchè Agatha non ha nessuna voglia di andare all'Accademia anzi lei neanche ci crede a questa scuola e alla profezia che ogni 4 anni da 200 anni scompaiono 2 ragazzini: uno bello e uno brutto dal loro paesino per andare a studiare in questa scuola dove si impara a essere Buoni o cattivi a seconda per vivere poi la loro personale Fiaba. Solo Sophie tra le due ci crede ed è pronta per essere rapita, perchè lei deve essere rapita, visto che si è stufata della sua vita. 


Sophie è una ragazzina bellissima, dai capelli biondi, che passa le ore a curare il suo aspetto con creme e imapcchi per essere sempre al meglio e fin da piccola come vi dicevo vuole essere rapita dal Gran Meaestro per andare a studiare come diventare una principessa del Bene e per aumentare le sue possibilità diventa amica della bambina bruttina ed emarginata del paese Agatha, capelli neri e corti, che veste anche di nero con vestiti sformati e bruttini, che vive dentro al cimitero, si isola da tutti, non è amica di nessuno e lei come atto di bontà decide di prenderla come sua amica fin quando non nascerà effettivamente un sentimento. Sophie le parla, le sta vicino, chiacchierano e passano così le loro giornate fino al fatidico giorno quando entrambe verranno rapite solo che Agatha verrà laciata nell'Accademia del Bene e Sophie in quella del Male; e da subito credono che ci sia assolutamente un errore basta guardare come si vestono.
Quella del Bene sono tutte fatine, fiori, arcobaleni, profumi, tutti sorrisi, amore e allegria, con bei vestitini che Agatha guarda orripilata, piena di principi azzurri pronti a salvare le principesse in pericolo con le loro spade scintillanti.
Sophie si ritrova in quella del Male, pieno di ragazzini brutti, maleodoranti, vestiti di stracci neri , un castello buio, pieno di muffa con un torrente fangoso, altro che arcobaleno e uccellini come si vede nell'altro.
Faranno di tutto per provare la loro bontà/cattiverai ma la risposta è sempre la stessa: non ci sono errori e il perchè si rivelerà man a mano che le due ragazze dovranno affrontare la vita dell'Accademia e mostreranno se stesse.

Sinceramente Sophie non si meritava assolutamente la bontà e la fedeltà di Agatha, è spropositatamente egoista e ha parole carine solo quando l'altra la asseconda o comunque fa quello che le conviene e pensa che la sua bellezza giustifichi tutto il resto, o che se sei bella devi essere per forza di cose buona e che se sei brutta allora sei cattiva e la scuola darà ad entrambe molto su cui riflettere.

Un libro bellissimo, emozionante, pieno di avventura e fascino che racchiude tanti messaggi importanti come quello della bellezza che non implica per forza l'essere buona o cattiva. 
Vuole dire ai ragazzi che le apparenze ingannano, che dobbiamo sempre credere in noi e avere fiducia, che l'amicizia è importante va coltivata e rispettata. Il principe azzurro non mi ha fatto impazzire preferisco un'armatura meno scintillante ;)
Ma ho adorato alla follia Agatha, dolce, leale, chiusa in un mondo tutto suo in cui cerca di proteggersi dalla cattiveria delle persone, si vede bruttina ma in realtà ha un'anima e un cuore bellissimo e luminoso senza necessità di fronzoli.
Non sono solita amare i booktrailer ma questo è... magico *_* 



2 commenti:

Rowan ha detto...

Felicissima che ti sia piaciuto! Per quel che riguarda Tedros... aspetta di leggere il secondo volume! :D

Lady Debora ha detto...

Non mi dire così >.> non lo possiedo il secondo per leggerlo uffa non vedo l'ora *_*