giovedì 6 agosto 2015

Chi ben comincia... #111: "Torta al caramello in paradiso" di Fannie Flagg

Chi ben comincia... è la rubrica ideata dalla carissima Alessia del blog Il profumo dei libri che ringrazio perchè questa rubrica mi piace tantissimo e poi non so vi può essere utile per stuzzicare la vostra curiosità ^^ Questa rubrica la posterò ogni giovedì ^_^... In che cosa consiste?

-Apri un libro a caso dalla tua libreria
-Riporta le prime 10, 15, 20 frasi dell'inizio del libro
-Aspetta i commenti.


Quello che vi propongo oggi è l'incipit del libro che mi ha regalato il mio sposo a febbraio ma che non voglio ancora leggere perché già so che lo amerò e che finirà troppo presto ;_; Della stessa autrice ho letto “Miss Alabama e la casa dei sogni” (Recensione) che ho apprezzato molto e ho anche il suo libro più famoso “Pomodori verdi fritti al caffè di Whistle Stop” che però ancora non leggo per lo stesso motivo di quello che vi propongo oggi :)
Volevo approfittarne per chiedervi se avete qualche libro di Fannie Flagg, a parte questi tre che già possiedo, nelle edizioni della Bur o Best Bur e ve li volete togliere o che conoscete qualcuno che è interessato a rivenderli o scambiarli, me lo fate sapere che sono interessata??!! Grazie mille ^^ detto ciò buona lettura!

*** *** ***

Elmwood Springs, Missouri
Lunedì 1 aprile
h 9.28, 23°C, soleggiato

L'ultima cosa che Elner Shimfissle ricordava, dopo aver accidentalmente disturbato quel nido di vespe tra le foglie del fico, era di aver detto: “Ops”. Dopo di che si era ritrovata al pronto soccorso di un ospedale, a domandarsi come diavolo ci fosse finita. Non c'era pronto soccorso nell'ambulatorio medico d'urgenza vicino casa, quindi doveva trovarsi come minimo a Kansas City. Santissimo cielo, pensò. Di tutto quello che poteva succede stamattina. Era uscita con l'intenzione di raccogliere qualche fico e prepararci un vasetto di marmellata per quella donna tanto gentile che le aveva portato un cestino di pomodori, e adesso eccola lì con un ragazzino in cuffia da doccia e grembiule verde che la guardava tutto eccitato parlando a velocità supersonica con altre cinque persone che correvano per la stanza, anche loro con la cuffia da doccia, il grembiule e delle soprascarpe di carta verdi. Elner si domandò come mai non portavano più il bianco. Quando era cambiata la regola? L'ultima volta che aveva visto un ospedale era stato trentaquattro anni prima, quando Norma, sua nipote, aveva dato alla luce Linda. Ed erano tutti vestiti di bianco, allora. La sua vicina di casa Ruby Robinson, un'autentica infermiera professionale iscritta all'albo, portava ancora il bianco, con tanto di scarpe e calze bianche e una simpatica cuffietta inamidata con le alette all'insù. Elner trovava che il bianco fosse molto più professionale e “dottorale” delle cose verdi, stropicciate e informi che indossava quella gente. Come se non bastasse, non era neppure un bel vedere.

- Torta al caramello in paradiso di Fannie Flagg -

1 commento:

Mr. Dark ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.