giovedì 8 gennaio 2015

Recensioni: "L'età sottile" & "Alice nel paese delle vaporità" di Francesco Dimitri

Nonostante l'assenza di questi tempi non mi sono dimenticata del blog anzi ho "lavorato" per voi preparando un po' di post da pubblicare, scritto un po' di recensioni e buttato giù qualche idea :) comunque se volete sempre seguirvi vi ricordo che sono su Instagram con il nome di: debora_happyredbook

Ma passo subito alle due recensioni di due libri dello stesso bravissimo autore ^^ 

Volevo aggiungere che le recensioni che posterò dello scorso anno cercherò di farle brevi perchè altrimenti mi se ne accumulano troppe e non ne esco più anche con quelle recenti che già ho cominciato ad accumulare; giusto per lasciare un mio piccolo pensiero per non dimenticarli :)

L'età sottile
di Francesco Dimitri 

Editore: Salani
Pagine: 396
Prezzo: 15,90€

Voto: 4/5

Trama: Quando Gregorio incontra la Magia per la prima volta ha quattordici anni e l'infanzia gli sta scivolando di dosso come l'acqua del mare del piccolo paese del Sud dove va in vacanza. La proposta che gli viene fatta va oltre ogni immaginazione, e l'idea di diventare più potente di qualsiasi mortale sembra decisamente allettante... Se Gregorio accetta, però, dovrà nascondere a chiunque la sua nuova vita; dovrà tacere e mentire alla famiglia e agli amici di un tempo; dovrà abbandonare la sua normalità ed entrare in un mondo dove la parola è azione, e le azioni sono al di sopra di ogni giudizio. Un mondo di cambiamento costante, di pericoli mortali, di tradimento, ma dove l'amicizia è più potente della morte... Originale, spiazzante, crudo, onirico e realistico al tempo stesso, un romanzo di formazione che ci ricorda che ogni adolescente è mago, perché vuole conservare il potere dell'infanzia e trasportarlo integro nell'età adulta.

Recensione

Levi. Un mago che sconvolgerà la vita del sedicenne Gregorio che vive a Roma con il padre e la sorella.
I due si incontreranno la prima volta a Portodimare dove Gregorio trascorre le sue vacanze estive e quello che inizia come un gioco, per curiosità si trasformerà in realtà e richiederà sacrifici e tanto impegno, e tutto ciò che pensava fosse impossibile, grazie alla magia diventerà possibile.

La "magia" in questo libro è vista come qualcosa di nuovo, originale, sopra le righe perciò non aspettatevi conigli che escono dal cilindro, donne che vengono tagliate a metà, calderoni e filtri, ma ragazzi che usano sostanze stupefacenti, riunioni dove sono nudi, uso di droghe, riunioni in posti impensabili, formule antiche, perciò leggetelo senza aspettative, così al buio, senza idee, senza pregiudizi e lasciatevi coinvolgere da questo libro bello quanto strano, non potrà non stupirvi!!!!

*** *** *** 

Alice nel paese delle vaporità
di Francesco Dimitri

Editore: Tea
Pagine: 280
Prezzo: 8,90€

Voto: 3.5/5

Trama: Ben è un giovane londinese che soffre di allucinazioni. Per lavoro legge manoscritti. Una notte gli arriva un libro che si chiama "Alice nel Paese della vaporità". Noi con lui seguiamo la storia di Alice, un'antropologa che vive in una Londra Vittoriana che non c'è mai stata. Alice viaggia nella Steamland, una terra invasa da un gas che provoca allucinazioni e mutazioni. Una terra in cui la realtà cambia a ogni istante, in cui "giusto" e "sbagliato" sono soltanto parole, e in cui le parole stesse si trasformano in odori e sensazioni. Quella di Alice parte come una ricerca, ma si trasforma subito in una lotta per la vita e per la morte. Alice dovrà sopravvivere in una terra oscura, in cui non c'è differenza tra orrore e meraviglia. Ben legge la sua storia. E qualcosa succede anche a lui.

Recensione

A mio parere questo libro andrebbe letto anche solo per la sua genialità, la fantasia e la bravura nello scrivere, nel raccontare così vividamente le scene, tanto da immaginarle senza difficoltà, nel trasmettere emozioni attraverso la carta.
Avete presente la dolce Alice, il prato verde coronato da un cielo azzurro con gli uccellini che cinguettano. Quel bel bianconiglio, le canzoncine, i personaggi buffi e teneri? Dimenticate tutto!!!

Spiegarvi la trama sarebbe una cosa lunga e dettagliata e credo che questo sia un libro di quelli che dovete immergervici da soli, tranquillamente per assorbirne ogni dettaglio che si incastra con un altro fino a creare un mondo assurdamente fantastico dove l'atmosfera "vaporosa" di Londra è creata dalle nostre vecchie tecnologie che producono Vaporità.

Una scrittura vivida, con scene crude, atmosfere alla Tim Burton e una storia con protagonisti originali e nuovi per un fantasy che non vi aspetterete.

L'unica pecca che non mi ha fatto alzare il voto e che ci sono parti troppo lente con dei ragionamenti talmente contorti e strani che a volte ho fatto fatica a seguirli e capirli, rendendo il tutto troppo stancante.

***

Ma ora ditemi avete letto questi due libri o anche uno solo?? Che ne pensate? Per quel che mi riguarda ve li consiglio!!!

3 commenti:

Vanessa ha detto...

Ho letto Alice, e devo dire he è stata una lettura piuttosto strana, complessa, originale. Forse troppo strana xD

Lady Debora ha detto...

Originale e strano gli si addice... più che altro alcune parti ovvero quelle delle spiegazioni le ho trovate molto pesanti e complicate assolutamente da poter tagliare però è stata una lettura senz'altro da fare :p

MissGabrielle ha detto...

M'ispira "Alice nel paese delle vaporità" ...non sò perché ma mi piace già dal titolo ^^
Ciao