giovedì 14 marzo 2013

Chi ben comincia... #20

Chi ben comincia... è la rubrica ideata dalla carissima Alessia del blog Il profumo dei libri che ringrazio perchè questa rubrica mi piace tantissimo e poi non so vi può essere utile per stuzzicare la vostra curiosità ^^ Questa rubrica la posterò ogni giovedì ^_^... In che cosa consiste?

-Apri un libro a caso dalla tua libreria
-Riporta le prime 5, 10, 15 frasi dell'inizio del libro
-Aspetta i commenti.



Ecco l'incipit del libro di Lisa Kleypas che sto leggendo attualmente tra lo studio di cosmetologia, dermatologia, apparecchi elettromeccanici e psicologia >.< e mi sta piacendo moltissimo *:*
E' il primo di una trilogia che continua con: Il diavolo ha gli occhi azzurri e Una calda estate in Texas (non c'è bisogno di dirvi che li ho già tutti in ebook e li leggerò uno dietro l'altro ;p)

***

Avevo quattro anni quando mio padre perse la vita in un incidente su una piattaforma di trivellazione. Non lavorava negli impianti. Era un supervisore della compagnia petrolifera e, in giacca e cravatta, andava a ispezionare le piattaforme.
Un giorno, durante una di quelle ispezioni - l'allestimento non era stato ancora ultimato - inciampò e cadde in una botola rimasta aperta. Precipitò per venti metri fino al piano sottostante e morì sul colpo, rompendosi l'osso del collo.
Impiegai parecchio tempo per capire che papà non sarebbe più tornato. Lo aspettai per mesi, seduta alla finestra della nostra casa a Katy, a ovest di Houston.
A volte mi appostavo all'imboccatura del vialetto e controllavo le macchine che passavano. Mamma continuava a dirmi di smetterla, ma io non volevo arrendermi. Forse pensavo che la forza della mia volontà sarebbe bastato a farlo ricomparire. 
Di mio padre mi restano pochissimi ricordi, o forse dovrei dire impressioni. Un paio di volte deve avermi portato in spalla - ricordo la durezza del suo torace sotto i miei polpacci, la sensazione di fluttuare nell'aria, ancorata dalla ferma pressione delle sue dita che mi stringevano le caviglie. E le grosse ciocche dei suoi capelli tra le mie mani, capelli neri e lucidi con un taglio scalato. Mi sembra quasi di sentire la sua voce che canta Arriba del cielo, una ninnananna messicana che immancabilmente mi regalava dolci sogni.

- Sugar Daddy di Lisa Kleypas -

7 commenti:

..Mary.. ha detto...

Benvenuta nel club di chi ama la Kleypas!!!
Devo ancora leggere questi tre libri!!! ma so che mi piaceranno!!!!

Jaqueline Emerson ha detto...

Mi incuriosisce! Bella rubrica!

Lady Debora ha detto...

a me sta piacendo moltissimo ^^ è bello essere in questo club ;p

Lady Debora ha detto...

felice di esserti stata utile ^^

Ilala:) ha detto...

come sempre riesci sempre a fregarmi:P:P:P!!!... ma come faccio ogni volta a cascarci...-.-""!!!!io ho letto l'ultima della trilogia...XD bellissimo libro...:P... ora mi mancano i primi due..!! :D

Ilala:) ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Lady Debora ha detto...

ah non ci senti! non ti vuoi mai comprare i libri che così sarai costretta a prendere gli altri!! ahahaha che amica cattiva che sono XD ti lovvo carissimaaa ^_^ ci vediamo domani mattina :p